Catene di custodia

La Catena di Custodia (in inglese CoC – Chain of Custody) è un sistema di tracciabilità a livello aziendale utilizzato per tutte le fasi di lavorazione e distribuzione del legno che attesta che il sistema di registrazione del flusso del legno applicato dall’impresa soddisfa i requisiti stabiliti dallo schema di certificazione ed esige che nessun legname proveniente da fonti controverse (es: abbattimento illegale o in aree protette) possa entrare nella catena dei prodotti certificati.

Il certificato di Catena di Custodia PEFC (che viene anche chiamata certificazione CoC) è la condizione essenziale per una azienda che vuole usare il logo PEFC sui propri prodotti realizzati con materia certificata PEFC.
In sintesi, garantisce che l’azienda possiede e utilizza i meccanismi di sicurezza necessari per tracciare i prodotti certificati all’interno del processo di produzione dell’azienda.

Come ottenere la certificazione CoC
  1. Preparazione del “Manuale per la rintracciabilità del prodotto a base di materiale certificato PEFC” in conformità allo standard ITA 1002, da presentare all’Organismo di certificazione;
  2. Presentazione della domanda di Certificazione all’Organismo di Certificazione (OdC) – e successiva accettazione da parte dell’OdC;
  3. Verifica Ispettiva presso l’azienda da parte dell’OdC;
  4. Rilascio della Certificazione da parte dell’OdC;
  5. Richiesta dell’uso logo al PEFC Italia presentando il certificato.

È sempre consigliabile confrontare la propria organizzazione aziendale e la tipologia di prodotto con lo standard di Catena di Custodia PEFC per scegliere l’approccio di certificazione più adatto alla propria realtà imprenditoriale.

Procedure di certificazione

L’iter di certificazione è condotto in accordo ai requisiti e alle modalità descritti nella norma di riferimento ITA 1002 Schema di Certificazione della Catena di Custodia dei prodotti di origine forestale.
ITA 1002 specifica i requisiti della catena di custodia che l’“organizzazione” deve soddisfare e indica i requisiti minimi del sistema di gestione per l’attuazione e la gestione del processo di rintracciabilità.
Il termine organizzazione è usato per riferirsi a qualsiasi azienda che si occupa del raccolto, trasporto o della trasformazione di prodotti di origine forestale, dalla foresta al consumatore finale.

Iter di certificazione
  1. Domanda di certificazione inoltrata all’organismo di certificazione da parte dell’azienda;
  2. Verifica documentazione + eventuale visita preliminare;
  3. Visita ispettiva presso l’azienda (audit ispettivo);
  4. Rapporto di verifica ispettiva (segnalazioni di eventuali non conformità);
  5. Decisione di certificazione (Comitato di certificazione);
  6. Emissione certificato;
  7. Visite di mantenimento per tutta la durata del certificato.
Approcci per garantire la catena di custodia

Per applicare la catena di custodia esistono due approcci: la separazione fisica e il metodo basato sulla percentuale.

1) La separazione fisica.
Tale metodo prevede che tutte le materie prime, di diverse origini, che vengono impiegate per il ciclo di lavorazione, vengano mantenute separate (nello spazio o nel tempo) o chiaramente identificabili in tutte le fasi della produzione o del processo commerciale o dello stoccaggio. É generalmente consigliato per quelle realtà produttive che hanno un flusso di prodotti facilmente divisibili per commesse e un approvvigionamento facile e costante di materia prima certificata (ad esempio segherie, tipografie, ecc).

2) Il metodo basato sulla percentuale.
L’adozione di tale metodo è consigliabile per organizzazioni che adottano processi di produzione e/o di commercio in cui avviene mescolamento di materie prime certificate con altre categorie di materie prime e in cui non può essere facilmente identificata la materia prima certificata nei prodotti in uscita. É generalmente consigliato per quelle realtà che devono mescolare materia prima diversa e che sono costrette ad accumulare crediti per avere un flusso di materia prima adeguato (ad es. cartiere, mobilifici, ecc).

Chi si può certificare PEFC?

Tutte le aziende che acquistano materie prime certificate PEFC. Tutti i trasformatori di prodotti forestali possono dare garanzia della provenienza da foreste gestite in maniera sostenibile della propria materia prima. Tutta la filiera deve essere certificata fino al prodotto finito.
I settori sono molteplici:

  • Ditte boschive;
  • Segherie;
  • Legno ingegnerizzato;
  • Edilizia e carpenteria;
  • Imballaggi e pallet;
  • Pannelli;
  • Commercio e distributori di legname;
  • Carta e trasformatori;
  • Distributori di carta;
  • Editori e stampatori;
  • Mobili e arredi per interni ed esterni;
  • Gadget, cancelleria, utensili;
  • Prodotti forestali non legnosi.
I vantaggi di una Catena di Custodia

La convenienza per chi fornisce prodotti certificati risiede, oltre che negli aspetti etici, in considerazioni di natura economica connesse alla preferenza accordata dal consumatore al prodotto certificato PEFC rispetto ad uno senza le stesse garanzie di tracciabilità e sostenibilità.
La certificazione di “catena di custodia” della propria azienda rappresenta un utile strumento di marketing, di differenziazione rispetto ai concorrenti e di comunicazione verso la clientela, un’opportunità di ufficializzare il proprio impegno imprenditoriale verso l’ambiente, ma al tempo stesso anche un impegno per la promozione di una gestione oculata e corretta dei boschi di origine della materia prima.

Elenco CoC