GPP: approvati i Criteri Ambientali Minimi per l’arredo urbano

big_harrisSulla Gazzetta Ufficiale del 2 marzo scorso (Decreto 5 febbraio 2015 pubblicato in G.U. n. 50 del 2 marzo 2015) sono stati approvati i Criteri Ambientali Minimi (CAM) per l’acquisto di articoli per l’arredo urbano (panchine, fioriere, porta biciclette, tavoli, attrezzature per il gioco e le strutture ludiche, pavimentazioni antitrauma, transenne, steccati, contenitori per la raccolta dei rifiuti, tappeti per parchi giochi, accessori per piste ciclabili, attraversamenti pedonali, dissuasori di sosta, rallentatori di traffico, ecc).
Dalla pubblicazione, quindi, gli enti e le Amministrazioni pubbliche sono autorizzati e potranno inserire i Criteri Ambientali Minimi premianti per l’assegnazione degli appalti anche per gli arredi urbani. I CAM sono indicazioni tecniche omogenee che aiutano gli enti e le Amministrazioni pubbliche a mettere in atto il GPP con Criteri facilmente applicabili nei propri bandi di gara per gli arredi urbani.
In buona sintesi il legno utilizzato per l’acquisto da parte delle pubbliche amministrazioni per questi arredi deve essere legno proveniente da boschi gestiti in modo sostenibile e/o da legno riciclato. Come si legge al punto 4.2 – A.1 del decreto, “sono presunti conformi i prodotti in possesso della certificazione rilasciata da organismi terzi indipendenti che garantiscano la “catena di custodia” in relazione alla provenienza da foreste gestite in maniera sostenibile o controllata della cellulosa impiegata quali quella del Forest Stewardship Council (FSC) o del Programme for Endorsement of Forest Certification schemes (PEFC), puro, misto o “riciclato” . . . , oppure equivalenti.”
Al termine del loro utilizzo, inoltre, devono essere separabili con facilità e si devono prestare facilmente a operazioni di riciclo. (Fonte: PEFC Italia)