Approvata all’unanimità la legge Fvg per la difesa dei boschi dai roghi

«Sfruttando i margini d’azione concessi dalla nostra autonomia abbiamo utilizzato il recepimento di una norma nazionale per adottare, in Friuli VG, alcuni strumenti innovativi per il contrasto degli incendi boschivi che partono dalla definizione di modelli di pianificazione, prevenzione e gestione degli incendi e permettono di arrivare a piani d’azione più efficaci ed efficienti. Il cambiamento del regime degli incendi, derivante dalle modifiche climatiche, richiede infatti l’utilizzo di nuovi strumenti in affiancamento a quelli tradizionali». È questo il commento dell’assessore regionale alle Risorse forestali e Montagna, Stefano Zannier, dopo l’approvazione da parte del Consiglio regionale della legge 65/2019 che stabilisce le disposizioni per la difesa dei boschi dagli incendi.

Zannier ha evidenziato che «si tratta di una legge attesa da molto che, con grande senso di responsabilità, il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità in ogni sua parte. La norma prevede la stesura, entro il prossimo anno, del Piano regionale di difesa del patrimonio forestale che – ha sottolineato – sarà lo strumento tecnico-operativo attraverso il quale concretizzeremo le azioni di contrasto agli incendi boschivi. Il Friuli VG, quindi, sarà una Regione all’avanguardia perché potrà avvalersi di una strategia strutturata che, dando grande valenza alla prevenzione, non sarà limitata solo all’azione di spegnimento».

L’assessore, infine, ha spiegato che, «in accordo con il vicegovernatore Riccardo Riccardi, la legge contempla tutte le attività che vengono attuate dalla Protezione civile e dal Corpo forestale regionale e sancisce esattamente le rispettive competenze e gli ambiti operativi. Per quanto riguarda le operazioni sul campo, il Corpo forestale manterrà perciò il ruolo direzionale, mentre la Protezione civile svolgerà il coordinamento tra e con le squadre operative». (Fonte: ARC)