Seleziona una pagina

Vi segnaliamo che la Regione FVG concede degli indennizzi per proprietari di boschi (pubblici e privati), imprese boschive, imprese di prima trasformazione del legno, per contrastare la diffusione del bostrico.

Finalità dell’intervento

Contrastare la diffusione del bostrico, ripristinare la funzionalità degli ecosistemi forestali, ridurre il rischio di innesco e propagazione degli incendi boschivi per il permanere in foresta di materiale secco e favorire il recupero e l’immissione sul mercato del legname attaccato dall’agente patogeno.

Chi può presentare la domanda di contributo

Possono beneficiare degli indennizzi i proprietari forestali pubblici e privati o loro delegati. I delegati sono individuati in particolare nei seguenti soggetti:

  • comproprietari, affittuari, locatari, concessionari, comodatari o detentori di altro titolo o contratto con il proprietario del fondo interessato dall’intervento;
  • imprese forestali iscritte nell’elenco di cui all’articolo 25 della legge regionale 23 aprile 2007, n. 9 (Norme in materia di risorse forestali.

Interventi ammissibili e requisiti minimi

Interventi di utilizzazione forestale che rispettano i seguenti requisiti:

  • Sono realizzati in lotti in cui il bostrico ha già attaccato o sta attaccando almeno l’80 per cento delle piante di abete rosso da destinare all’utilizzazione;
  • comprendono il taglio, l’allestimento, l’esbosco a strada forestale di primo livello o secondo livello camionabili e l’ammucchiamento della ramaglia in bosco;
  • la massa legnosa minima da utilizzare delle sole piante di abete rosso colpite da bostrico è pari ad almeno 100 metri cubi netti totali ad ettaro;
  • l’esbosco è realizzato per tutto il materiale legnoso con diametro non inferiore a centimetri 15.

Sono ammissibili a indennizzo gli interventi avviati dopo la presentazione della domanda di indennizzo. Sono altresì ammissibili a indennizzo gli interventi conformi ai requisiti sopra elencati avviati, sulla base di un PRFA, prima della presentazione della domanda di indennizzo, nel periodo intercorrente dal 1° luglio 2020 alla pubblicazione della delibera sul BUR.

Modalità di indennizzo

Gli indennizzi sono concessi con il procedimento valutativo a sportello, in conto capitale nelle seguenti misure forfettarie, relative ai metri cubi netti utilizzati di piante di abete rosso secche o deperite:

  • metodo di esbosco con harvester e forwarder 15 €/m3;
  • metodo di esbosco con trattore e verricello 25 €/m3;
  • metodo di esbosco con gru a cavo 35 €/m3;

Tali importi forfettari comprendono anche le spese tecniche sostenute per la progettazione e la direzione lavori. L’importo massimo che può essere concesso al singolo beneficiario è pari a euro 50.000.

 

Per ulteriori informazioni e scaricare la documentazione LINK PORTALE REGIONE FVG